» Lavoro - Regione - Scuola

Intesa sugli Enti di formazione pubblici, dalla Regione quasi 3 milioni di euro per garantire i servizi di orientamento

Quasi 3 milioni di euro – 1 milione e 400 mila per il 2018 e 1 milione e 400 mila per il 2019 – destinati dalla Giunta regionale ai Comuni, per garantire la continuità sul territorio dei servizi di orientamento attraverso i propri Enti di formazione pubblici. Luoghi a disposizione delle famiglie e dei cittadini che hanno bisogno di essere aiutati nelle scelte scolastiche e formative. Una rete che la Regione vuole sostenere, riconoscendone l’utilità per i cittadini e il valore come servizio e presidio sul territorio.

É la legge regionale di riordino (numero 13 del 2015) a mettere nero su bianco l’impegno della Regione a sostenere l’attività di orientamento svolta dai Comuni attraverso l’azione quotidiana dei propri Enti, mettendo a disposizione risorse per qualificare a scala territoriale queste progettualità.
I fondi arrivano al termine di un confronto e un lavoro comune che ha visto impegnati anche i sindacati nelle ultime settimane, visto che le risorse, permettendo la continuità nell’attività di orientamento, portano alla salvaguardia dell’occupazione all’interno degli Enti di formazione pubblici. Enti che oggi in un incontro in Regione, hanno avuto modo di rilevare positivamente i termini della soluzione individuata.
“Si tratta di contributi consistenti- sottolineano l’assessore alla Formazione e Lavoro, Patrizio Bianchi, e al Riordino istituzionale, Emma Petitti- con cui vogliamo sostenere i Comuni interessati nell’importante attività che, attraverso la loro partecipazione diretta ai Centri di formazione, svolgono in questo ambito. Un ambito fondamentale per sostenere i giovani nelle scelte educative e formative e nella costruzione del proprio percorso professionale. Vogliamo- aggiungono Petitti e Bianchi- che queste esperienze possano diffondersi sempre più sul nostro territorio, anche per il ruolo di presidio che rivestono”.
Sergio Frattini, in qualità di presidente di Arifel, l’associazione regionale istituti di formazione degli enti locali, ritiene positivo il percorso intrapreso, volto ad offrire maggiori opportunità, anche nell’ambito dell’orientamento, a sostegno delle persone per lo sviluppo delle realtà territoriali.
Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che oggi ha avuto un colloquio con Frattini, condivide la soddisfazione, riconoscendo “l’importanza del lavoro svolto dagli Enti di formazione pubblici, così come lo sforzo fatto in Giunta per reperire gli stanziamenti necessari, per garantire una funzione indispensabile per scelte che riguardano il futuro dei ragazzi”.
Stabilita l’entità delle risorse, la Giunta definirà i criteri per la concessione dei contributi. A questo primo intervento seguirà un’ulteriore azione per costruire su tutto il territorio regionale Reti di orientamento. È dei giorni scorsi, infatti, l’approvazione da parte della Commissione Ue di una modifica del programma operativo regionale Fse 2014-2020, che permetterà alla Regione di approvare, già nelle prossime settimane dopo il confronto con i diversi soggetti interessati, un ulteriore piano di finanziamento pluriennale per progetti dei Comuni destinati all’orientamento e alla promozione del successo formativo.





Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018 · RSS PAGINA DI CARPI · RSS ·
• 15 query in 0,309 secondi •